BOERI VINI

Costigliole d'Asti

BOERI VINI

+39 333 361 7792

Vigneti

Per produrre vini di qualità bisogna dare la massima cura alle viti e avere il massimo rispetto per la terra, il vino buono si fa in vigna, queste frasi, si sentono ripetute ogni volta che si parla di vino con l’azienda Boeri. Tutte le cure e gli accertamenti nei vigneti vengono effettuati manualmente e l’intera famiglia partecipa in tutte le attività giornaliere necessarie. I pesticidi vengono utilizzati raramente e solo per provvedere a eventuali cure in caso di specifici problemi emersi.

 

Nelle rare occasioni in cui Boeri è obbligato a usarli, impiega esclusivamente fertilizzanti naturali. Infine nessun tipo di irrigazione è effettuata nella casa vinicola: Boeri lascia che sia la natura a decidere di quanta acqua necessiti il vigneto. Il fatto che Boeri intervenga così raramente e con molta attenzione nei suoi vigneti mostra tutto il loro profondo rispetto verso il naturale ciclo nella produzione del vino: sono le stagioni, il territorio e le condizione atmosferiche a determinare gli speciali sapori di ogni vino ogni anno.

 

L’azienda Boeri è affezionata in modo particolare ai vecchi vigneti di famiglia, di cui il più vecchio ancora rimasto è stato impiantato nel 1936 da Giovanni Boeri, il nonno degli attuali proprietari Giorgio e Roberto. Da quei giorni questo vigneto continua a fiorire e i suoi frutti sono utilizzati per produrre il Pörlapà Barbera intensa e vellutata. Da allora, la famiglia Boeri ha acquistato ulteriori lotti di terra sulla collina di Bricco Quaglia e oggi l’intera area dei vigneti raggiunge i 10 ettari dei quali buona parte è dedicata alla coltivazione del Barbera e il resto è suddiviso tra Nebbiolo, Chardonnay, Moscato e Dolcetto.

Cosa si fa in azienda

Gennaio – Febbraio: Potatura dei vigneti

Marzo: Legatura del tralcio

Aprile: Cura di routine dei vigneti, eliminazione delle varie erbacce in eccesso, sostituzione delle viti morte o malate. Imbottigliamento dei vini bianchi Chardonnay e dei vini rossi Barbera e Dolcetto di annata.

Maggio: Spollonatura e potatura verde. E’ un operazione importante  di pulizia e di  preparazione della pianta per le potature invernali.

Giugno – Luglio: Rilegatura delle piante per assicurarsi che siano perfettamente verticali; defogliazione manuale per esporre maggiormente i grappoli al sole con l’obiettivo che le foglie vicine ai grappoli, non ostacolino la luce e l’arieggiamento  che è fondamentale per la giusta maturazione dell’uva  (le foglie in eccesso inoltre consumano energie e nutrimento che la pianta dovrebbe conferire nei frutti).

Luglio – Agosto: Diradamento, verso la fine di Luglio, dalle piante che hanno una produzione abbondante di uva vengono tolti alcuni grappoli in eccesso per aumentare ulteriormente la qualità dei frutti rimasti. Imbottigliamento dei vini più importanti

10 – 20 Settembre: Vendemmia manuale delle varietà di uva bianca

Fine di Settembre – Inizio di Ottobre: Vendemmia manuale delle varietà di uva rossa


Ottobre – Novembre: Lavoro in cantina, dalla fermentazione alla filtrazione, al trasferimento dei vini nei contenitori di acciaio o nelle botti di legno.